Meditazione. Ascolto. Presenza.

Sunday morning – Meditazione della domenica mattina.

La prima domenica di ogni mese a Torino, in via Dronero 2.

Sala Formazione, Scuola IN Counseling – Lo Specchio Magicoanimali 21

Basta abbandonarsi al correre delle cose. Senza cacciare i pensieri e senza tenerli. La mente da sola è purezza e infine da essa emerge la chiarezza e la purezza naturali“. (Tao-hsin)

Sederci in silenzio. Semplicemente seduti. Restare in ascolto del respiro. L’aria che entra e che esce dal naso, entra fresca ed esce un po’ più tiepida. Riusciamo a sentirla? Il ventre si alza e si abbassa.

Osservare i pensieri che si presentano ma lasciarli andare, senza attaccarsi ad essi, senza in/seguirli. Lasciare andare ogni ricerca del piacere così come il fuggire da ciò che non ci piace, osservare il corso della mente …

Occorre provare per accorgersi come questo semplice “stare” permetta di abbandonare le tensioni e di entrare in contatto con l’energia che scorre.

Bisogna provare a “so/stare” per accorgersi di quale peso sopportiamo quando ci attacchiamo ai pensieri, alle credenze, a ciò che crediamo debba essere giusto, in un certo modo … o come piace a noi!

Osho diceva “smettete di fare, osservate!”. Questo è non fare. Non è da confondere con il far niente, quel far niente che consideriamo relax di pausa tra un’attività ed un’altra, ne’ dobbiamo confonderlo con un innaturale non pensare a niente!

Questo non fare è il modo per conoscere la nostra mente e per osservarne il suo fluire, riconoscendo anche la nostra difficoltà a lasciarla fluire nella sua naturalezza, senza porre limiti, senza cercare di disciplinarla, senza obiettare, senza giudicare … semplicemente osservarla, abbandonando ogni presa  ed ogni peso!

Meditiamo, ascoltiamo, impariamo ad essere presenti a noi stessi ed al mondo intorno a noi, avviando così un nostro personale percorso di consapevolezza …

 Cos’è la meditazione? Meditare è innanzitutto una pratica. Così come per imparare a camminare occorre camminare, per imparare a meditare occorre meditare. Ne possiamo parlare, la possiamo studiare, ne possiamo disquisire, ma per comprendere veramente cosa è e cosa vuol dire, occorre innanzitutto “praticare”. Come dice Krishnamurti, “la meditazione non vi sarà insegnata da un altro. Dovete far tutto voi …“.

Certamente occorre una guida, qualcuno che ci accompagni lungo la strada, che cammini insieme a noi, che ci aiuti a superare alcuni ostacoli, che ci incoraggi e ci sostenga se sopravviene il dubbio, che ci inviti a proseguire …

Quindi, non credere a ciò che scrivo … ma accetta l’invito a praticare …

“Non credere a quello che hai sentito,

Non credere alle tradizioni che si tramandano da generazioni,

Non credere in nulla di cui si parli da molto tempo,

Non credere ad affermazioni scritte da un vecchio saggio,

Non credere nelle ipotesi,

Non credere nei maestri,

negli anziani, nelle autorità;

Ma se dopo attenta osservazione, analisi e pratica,

ciò è ragionevole e di beneficio a tutti,

accettalo e vivi d’accordo con esso”

(Dhammapada. La via del Buddha)

Il laboratorio è attivo da ottobre a luglio, ore 9.30 -12.30, ogni prima domenica del mese.

Puoi, inoltre richiedere incontri individuali di “meditazione, ascolto, presenza”

o partecipare ai gruppi della “Controra”

Per INFO ed ISCRIZIONI

CONTATTACI.

Oppure, chiamami al 3494162561 (Paolo Schifano)

Share Button

0 Comments