COSA STO IMPARANDO. Capitolo 2.

Cosa sto imparando?

È la domanda alla quale chi partecipa al “La Formazione X” e ai nostri Corsi di Counseling sta rispondendo, inviandomi pensieri e riflessioni che io ripropongo in questo blog.

Oggi è la volta di Angelo e Alessandro.

Torino, 28 aprile 2012

ANGELO:

Questa mattina, ancora dentro il “letto caldo” (un esperimento di mia invenzione che io sostituisco spesso al più noto la “sedia calda” ……. ma non lo dite a Domenico).

Dicevo, ero ancora dentro il “letto caldo” indeciso sul da farsi quando, all’improvviso, in un ….. “ritorno al passato” ho rivissuto la mia appartenenza ad un noto gruppo X già in altri tempi.

Erano gli anni 70 ed il gruppo in questione era così formato: Ciclope, Marvel Girl, Bestia, Uomo Ghiaccio, Angelo. Col tempo si aggiunsero Wolverine, Tempesta, Thunderbird, Colosso e altri.

Per farla breve gli XMen!

Chi se li ricorda?

Quale altra analogia oltre la X?

Anche loro si ritrovano in un luogo preciso, con un compito preciso: addestrarsi nell’uso responsabile dei propri poteri.

Certo i loro sono poteri con la P “maiuscola” ma i nostri poteri non sono da meno ed anche il loro genere “mutanti” mi riporta al nostro cambiamento.

Insomma…… tutto questo per dire che vi voglio bene e che sono contento di “fare strada” insieme a voi.

 

ALESSANDRO:

C’era un tempo in cui gli X-Men vivevano nell’ombra, ma da quando è stata data loro la possibilità di partecipare alla Formazione X si vedono aggirarsi per i meandri della città in vesti nuove.

Hanno lasciato le loro vesti da super-eroi per indossare le più comodi vesti di avvocato, programmatore, funzionario, contabile…

in tal modo voi starete pensando che passano più inosservati ed invece no!

E’ proprio il contrario.

Per me, è stata proprio la frequentazione della Formazione X a trasformare i miei super poteri in poteri super, ovvero in quella maggiore consapevolezza di me stesso, dei miei limiti, delle mie potenzialità.

Partecipando al “La Formazione X”, sto imparando a rendermi più visibile al mondo e ad essere più visibile a me stesso.

Nella misura in cui i poteri super aumentano il mio grado di consapevolezza, di contatto con le mie emozioni, allora il mio essere “presente” aumenta in modo significativo e di conseguenza anche il mio stare (l’esser-ci, l’essere per gli altri) con coloro che mi circondano cambia aspetto e diventa tutto più gradevole, tutto più importante, tutto più ricco di soddisfazione.

…Ecco, è questa la mia esperienza alla Formazione X.

Mi ha fatto lasciare il mantello da super eroe per tentare l’impresa di declinare meglio quelli che erano i miei super poteri, quando ero solo un X-Man e non un X-ForMan.

DOMENICO:

Grazie Angelo, bella e romantica questa similitudine con gli X-men; bella anche la creativa “evoluzione”, da te prodotta, della tecnica della “sedia calda”: un “letto caldo” è un contesto che mi rimanda sensazioni di profondo piacere ed abbandono.

Grazie Alessandro, che hai subito rilanciato la metafora degli X-men, riconducendola a quello che per te sta significando La Formazione X.

Grazie a voi Tutti, che con la vostra partecipazione rendete La Formazione X una magnifica esperienza di crescita e di miglioramento anche per me.

Share Button
default

0 Comments