COUNSELING E’ PENSARE CON IL CUORE

PENSARE CON IL CUORE

 Seminario introduttivo alla formazione

IN Counseling

 Per valutare liberamente l’opportunità di iscrizione alla Scuola IN Counseling

 Venerdi 13 luglio 2012,  ore 19.00 – 23.00, Torino, via Giuseppe Genè 12

Sabato 14 luglio 2012, 9.30 – 19.30, Grandubbione fraz. Pinasca-TO

 Cos’è il Counseling?

A cosa mi serve?

Come lo imparo?

La formazione IN Counseling è un cammino di consapevolezza verso:

  • la scoperta di cosa, come e quanto si muove dentro noi e di come tutto ciò stia in relazione con gli altri e con l’ambiente in cui viviamo;
  • la scoperta dei cambiamenti che possiamo produrre dentro e fuori di noi.

Con il Counseling posso “costruirmi” un nuova identità professionale, un nuovo e più soddisfacente modo di stare al mondo!

Puoi sperimentarlo con noi, a Torino e dintorni, venerdì 13 e sabato 14 luglio.

Costo di partecipazione: 100 €

(validi, anche, come acconto per –l’eventuale- iscrizione alla scuola IN Counseling).

CONTATTACI PER:

o lascia un commento qui sotto.

Share Button
default

3 Comments

  1. Ciao a tutti/e,
    la parte seminariale del sabato si svolgerà presso la mia abitazione montana nella frazione Grandubbione di Pinasca. Io se fossi in voi ci verrei anche solamente per accedere ad un “angolo” di Paradiso a pochi Km da Torino. Portate anche le vostre mogli, mariti, fidanzati, figli… nonne… amici, conoscenti… a presto miei cari, Alessandro

    • domenico says:

      Grazie Alessandro!

    • Grazie Ale per mettere a disposizione la tua abitazione, è giusto quello che ci vuole: un angolo di paradiso così vicino a noi! Magari scopriamo che il paradiso può essere davvero vicino … basta sciogliere i dubbi su chi siamo e cosa vogliamo.
      E come Socrate che conciliava il dubbio con la verità attraverso la consapevolezza di sé, anche noi, in questo angolo di paradiso così vicino a noi, faremo leva sulla consapevolezza …
      e in quale miglior posto iniziare ad affrontare i propri dubbi, ed il principe dei dubbi “chi sono e cosa voglio”, se non a Gradubbione!
      Paolo