Dio ci fa e il Diavolo ci accoppia

Seminario sull’Universo coppia.

Cosa ci tiene insieme. Cosa ci allontana. Come stare insieme. Come lasciarsi.

Lui: Ti ho incontrata per caso, passeggiando in un pomeriggio piovoso, lontano da pensieri e preoccupazioni. I nostri sguardi si sono incrociati e come se già ti conoscessi, fermi davanti ad una vetrina, ti ho chiesto se ti andava di prendere un caffè con me. È stato subito amore!

Lei: Stavo guardando una vetrina pensando all’estate che ormai era finita. Non mi ero nemmeno accorta che c’era qualcuno affianco a me e quando mi dicesti “vieni a prendere un caffè con me” pensai “ma che sfacciato, ma se non ti conosco nemmeno!”. Non so perché ma accettai. È stato subito amore!

Lui: La nostra casa è grande, bella e luminosa. Tu sei bella come quel primo giorno davanti alla vetrina, eppure io non riesco più a guardarti con gli stessi occhi. E poi mi chiedi sempre le stesse cose, insisti a fare domande. Ti amo, certo che ti amo ma a volte ho bisogno di stare da solo, com’è che non lo capisci!

Lei: Questa casa così grande, bella e luminosa è come una prigione dorata. Ci muoviamo come in una film dove tutto è già previsto dove ognuno di noi recita la sua parte. Non sento più l’amore, ti costerebbe così tanto ogni tanto abbracciarmi e dirmi che mi ami?

Lui: Dalle 8 alle 5 in ufficio, non vedo l’ora di arrivare a casa, farmi una bella doccia e poi per fortuna stasera c’è la partita. Verranno gli amici, potremo fare un po’ di baldoria, speriamo che lei non sia di cattivo umore, altrimenti addio divertimento!

Lei: Questa sera vorrei stare un po’ tranquilla, ho avuto una giornata infernale. Speriamo che stasera non ci sia qualche partita altrimenti dovrò litigare con lui, non ho proprio voglia di avere gente che grida e che beve per casa!

Lui: Basta, non ne posso più! Non è possibile che non ti vada mai bene niente di quello che dico e faccio! Ma si può sapere cosa vuoi da me, io sono sempre lo stesso, perché adesso non ti vado più bene? Se preferisci vivere da sola per i fatti tuoi non c’è problema, non sono certo io a costringerti a stare ancora qua!

Lei:Basta, non ne posso più! Io lavoro tutto il giorno e non voglio arrivare a casa per sentirmi dire cosa dovrei e non dovrei fare per stare meglio. Non mi sono messa con te per dividere le spese di casa, io volevo un uomo che mi amasse. Se questo è tutto quello che puoi fare, allora tanto vale che ognuno se ne stia per i fatti suoi!

La coppia è un universo che si compone di due mondi: il maschile e il femminile. Mondi differenti che tendono all’integrazione, un’integrazione che passa attraverso la reciproca conoscenza ed accettazione.

Occorre imparare a riconoscere le proprie ed altrui regole e modalità di comunicazione; occorre imparare a sviluppare la capacità d’amare.

La capacità d’amare si sviluppa grazie all’espressione dei bisogni, delle emozioni, dei sentimenti, della sessualità e dei valori spirituali. Perché ciò avvenga ci vuole un’adeguata cura di sé e dell’altro.

Tra i nostri seminari, uno è dedicato in modo specifico all’universo coppia Clicca qui. Da me condotto e guidato, a partire dalla condivisione di storie, emozioni e sentimenti impariamo a riconoscerci e riconoscere l’altro/l’altra, a sostenerci e sostenere l’altro/l’altra, a scoprire altre possibilità, a trasformare le semplici storie di vita quotidiana in magnifiche opportunità di crescita e sviluppo personale.

Vi aspettiamo numerosi e numerose.

Paolo Schifano.

Share Button
default

0 Comments